Cenni sull’organizzazione dell’allenamento per i giovani marciatori U16

Pubblicato il

La marcia è una specialità dell’atletica leggera dal carattere prevalentemente aerobico e condizionata dal gesto tecnico, pertanto un corretto piano di allenamento deve prevedere lo sviluppo delle capacità aerobiche di pari passo con quelle tecniche. Fondamentale importanza dovrà essere posta sui giusti tempi dell’evoluzione dell’allenamento adattandoli, sia dal punto di vista estensivo che intensivo, alla crescita biologica e atletica del giovane marciatore.

I mezzi fondamentali dell’allenamento  sono i seguenti:

  • Resistenza aerobica: è quella che spazia da ritmi di costruzione a quelli di rigenerazione sino ad arrivare a quelli che fungono da supporto ai ritmi più qualificanti della potenza aerobica. La resistenza aerobica ha un carattere prevalentemente estensivo (quantitativo).
  • Potenza aerobica: comprende allenamenti vicini alla velocità di gara (ed anche superiori) in grado di provocare degli adattamenti a ritmi intensi per tutta la durata della gara. La potenza aerobica ha un carattere maggiormente intensivo (qualitativo).

Piano di allenamento età 9/11 anni

  • L’avviamento alla specialità dovrebbe avvenire tra i 9 e gli 11 anni.
  • Il mezzo principale dell’allenamento è un’attività di tipo ludico-motoria in gruppo.
  • Non verrà proposto un vero e proprio allenamento ma giochi dove i ragazzi dovranno cimentarsi «scimmiottando» il gesto della marcia (proponendo anche il semplice cammino).
  • Si potranno proporre anche alcune sedute di tecnica e sedute di marcia lenta.


Piano di allenamento età 
12/13 anni

  • L’allenamento si baserà su sedute di apprendimento tecnico, nonché allo sviluppo estensivo dell’esercizio fisico.
  • Si possono proporre sedute basate su esercitazioni tecniche, esercitazioni in marcia continua, mobilità articolare e sedute di marcia con ripetute brevi.
  • Non va tralasciata una costruzione generale dove deve essere prevista la corsa, forza muscolare (circuit training), la propriocettività, la flessibilità etc., nonché esercitazioni su altre discipline.


Piano di allenamento età
 14/15 anni

  • E’ da questa fascia di età che si può parlare di struttura dell’allenamento.
  • Dalla categoria U16 ai marciatori verranno proposti mezzi di allenamento specifici e differenti tra loro.
  • Andrà consolidato l’apprendimento di un corretto gesto tecnico.
  • L’introduzione di intensità di allenamento più alte non deve inficiare la corretta esecuzione del gesto.
  • L’allenamento si svilupperà in direzione sia estensiva che intensiva senza tralasciare lo sviluppo del gesto tecnico.

Fonti di riferimento:
– Corso 2015 per formatori di marcia giovanile: manuale multimediale (di Emidio Orfanelli e Stefano La Sorda per Fed. Svizzera di marcia)
– Manuale dell’allenatore FIDAL (ed. 1992 e 2000)
– Manuale dell’Istruttore di atletica leggera FIDAL (ed. 2010)
– Perché e come insegnare la marcia a scuola (Articolo di Antonio La Torre presente sul numero 6 di Atletica Studi del Nov-Dic 1997)
Come e quanto si deve allenare un giovane marciatore (di Armando Zambaldo per FIDAL Veneto)

CATEGORIE: Allenamento | Allenamento U16
TAGS: